Novità nei carboidrati del post allenamento

post workout

Novità nei carboidrati del post allenamento

Migliorare le prestazioni fisiche significa alimentarsi prima, durante e dopo l’esercizio.

Solo negli ultimi anni il post-allenamento è diventato oggetto di studi al fine di identificare la strategia più efficace per ripristinare le scorte di glicogeno  e stimolare la crescita muscolare. Processi fisiologici necessari alla corretta prestazione nell’allenamento successivo.

Prima, durante e dopo l’esercizio, la rapidità con cui una fonte di carboidrati entra nel flusso sanguigno sembra poter influenzare l’intensità e la durata dell’esercizio (v in merito anche il post relativo a Carboidrati senza limiti. Sul gradino più alto del podio).

E in parte i dati rimangono confermati, ma con l’aggiunta importante della variabile quantitativa.

In particolare, nelle ore immediatamente dopo un esercizio di resistenza, la ricerca ha sempre indicato che alimenti ricchi di carboidrati e nutrienti rapidamente digeriti, assorbiti e trasportati nel sangue potessero accelerare la re-sintesi del glicogeno, fattore chiave quando si esegue un intenso esercizio fisico per giorni consecutivi o, a volte, durante lo stesso giorno. E in maniera analoga, dopo un allenamento di forza, per stimolare l’anabolismo (crescita) muscolare servono zuccheri ad assimilazione rapida così da incrementare la spinta di crescita data dell’insulina, prodotta dal muscolo allenato e ulteriormente incrementata dall’assunzione di zuccheri. E così un ottimo recupero sembra consistere in carboidrati a rapida assimilazione, come una patata, pari a 0,5 a 0,6 g / kg di peso corporeo.
Ma proprio perché oltre alla qualità, serve lo stimolo della quantità, tale apporto deve essere RIPETUTO OGNI 30 MINUTI per le due o quattro ore successive, o fino al successivo pasto completo. Quindi 180g di patate per un atleta di 60kg, 250g di patate un atleta di 80kg, 300g per un atleta di 100kg. Ogni 30 minuti.Per 4 ore.

Provare per credere!

Nel prossimo post, cercheremo di capire perché le patate siano un alimento più indicato del semplice riso nel post-workout